lunedì 8 ottobre 2007

Un'altra esperienza.

Le seppie cari amici ancora non si avvicinano, e allora bisogna adattarsi a quello che passa il convento.
Mercoledì come al solito sono uscito con il mio gommoncino per vedere come stavano le cose, ma dopo un'oretta a provare a seppie mi sono stufato e volevo rientrare. Poi mi sono ricordato che mi ero portato dietro un polipetto e allora ho pensato di fare un pò di traina, ma avevo tutti i terminali d'acciaio già montati con gli artificiali e non sapevo come montare il polipo. Cercando ho trovato un amo da 1 ricurvo e così ho improvvisato una montatura. Ho legato ad una boa un bracciolo di circa due metri con il polipetto, anche se l'amo non era adatto in quanto era troppo piccolo, ho legato alla boa un filo di circa venti metri legato ad un'altra boa che era sul gommone e mi sono messo a scarroccio. Dopo una buona mezza ora (stavo quasi per andarmene), la boa che era in mare incomincia a muoversi in continuazione fino a sparire sott'acqua. Nello stesso tempo, la boa che era sul gommone finisce in mare. Con il mezzomarinaio la aggancio subito e inizio a recuperare il filaccione, ma nello stesso tempo avevo paura di tirare troppo e perdere la preda, e così ho iniziato piano piano, ma dopo tre o quatro minuti sento il filo lento e nello stesso tempo vedo la boa che era affondata uscire dall'acqua come un proiettile. Avevo perso la bestia. Mi ha restituito il polipetto intatto. Evidentemente lo ha quasi ingoiato e poi sputato fuori perchè la punta dell'amo (ricurva) era conficcata nel polipo e così non si è allamata. Il tutto però mi è serito per il giorno dopo per prendere una bellissima lampuga, ma questo ve lo racconto più tardi perchè ora non ho tempo. Ciao

1 commento:

Mari ha detto...

Olá, bom Domingo, pra vc.
bjs.